• Paolo Di Micco

UOMO - MACCHINA

Innovazione tecnologica è un binomio dal significato a volte molto discordante. Da una parte abbiamo l'imprenditore vecchia scuola che non vuole concepire assolutamente l'idea di cambiare, mentre dall'altra abbiamo la figura dell'imprenditore 2.0 che vede l'innovazione tecnologica come un passaggio all'ozio, inteso come un modo per non dover fare più nulla perché adesso ci pensa la tecnologia.


Come dicevano i nostri nonni la verità sta nel mezzo.

Con il binomio innovazione tecnologica abbiamo già spiegato - vedi INNOVAZIONE TECNOLOGICA - intendiamo il meccanismo di miglioramento dei processi, comportando uno stravolgimento parziale o totale, con lo scopo di aumentare l'efficienza aziendale.


Partendo da questa definizione possiamo già capire che la tecnologia aiuta e supporta i processi aziendali e quindi è chiaro che la tecnologia è intelligente, ma non bisogna mai dimenticarsi che non è fatta per indovinare le cose, quindi ci sarà sempre un momento in cui la tecnologia ha bisogno dell’uomo.


Come creare efficienza nei processi?


Probabilmente quando pensiamo alla parola digitalizzazione ci vengono purtroppo in mente software, ERP, dispositivi tecnologici e tutto quel bazar di cianfrusaglie che navigando per il web cercano di rifilarci, ma è necessario che fissiamo la nostra concentrazione verso un'idea di “Partner Digitale”. Qualunque sia l’angolo di visuale che vogliamo porre sull’argomento “Digitalizzazione”, quello del Partner Digitale è il primo passo fondamentale per un’impresa che vuole correre verso la Dematerializzazione e Digitalizzazione dei propri processi e modelli di business.

Per ogni figura all’interno dell’organizzazione, quali dipendenti, collaboratore e manager, è indispensabile creare una identità digitale, cioè creare degli alter ego di ogni persona che partecipa alle decisioni e ai processi aziendali con lo scopo di staccare la persona fisica dalla singola mansione facendola risultare non più indispensabile, ma facilmente sostituibile, così da non essere più “vincolati” a quella determinata persona.


Il Partner Digitale ci dà quindi la possibilità di scomporre ogni singola parte del processo e del business così da valutare i passaggi (magazzino, amministrazione e tutti gli altri reparti) come se fosse una catena di montaggio, non vincolata ad una singola persona, ma all’alter ego che può essere svolto da ogni figura aziendale. Ovviamente ogni uno avrà i suoi ruoli e mansioni, ma questo primo passaggio consentirà all’organizzazione di poter sempre procedere con il business in qualsiasi circostanza ci si imbatte.


Come definito prima la tecnologia non "vive" da sola, ma ha bisogno dell'uomo. In questo caso, si tratta di spiegare alla tecnologia che ci sono le persone che prendono parte ai processi e con il supporto del partner digitale si riesce ad affiancare l’alter ego alla persona che prende parte a quel determinato processo.


Il partner digitale riesce a creare e a riprodurre una “persona fisica” nel mondo digitale e connesso, all’interno del quale ruotano tutti i flussi documentali digitalizzati, riuscendo a creare un'ecosistema in grado di dare ad ogni determinata persona, intercambiabile con un'altra, una specifica mansione piuttosto che un'altra. Il Partner digitale fa in modo che un’addetta dell’amministrazione veda solo i documenti relativi alle fatture da emettere, e non quelli relativi alle offerte commerciali che risulteranno prerogativa del reparto vendite.


Inoltre il partner digitale permette a ciascun addetto, con le sue specifiche mansioni, di lasciare traccia nell’ecosistema del lavoro eseguito, in modo che il documento possa passare allo step successivo e al dipartimento successivo.


E, infine – ma non meno importante – permette a tutti di vedere e approvare atti, contratti e documenti che non sono più sulla carta ma in una dimensione digitale e connessa, al quale ogni figura autorizzata può accedere.


Il ruolo dell'uomo


Nell'impresa 4.0 abbiamo capito quindi che la figura dell'uomo rimane comunque fondamentale, in quanto l'azienda non può comunque comunicare al mercato senza la persona fisica, ma si svincola dalla singola persona, potendo riuscire a mantenere rapporti proprio con il mercato in qualunque situazione ci si trovi, ufficio, smart-working, vacanza e quant'altro.


Come per i computer, che in gergo informatico chiamiamo "ferri", non risultano assolutamente più fondamentali perché l'introduzione del Cloud ha cambiato il concetto dal "mio pc" al "mio account" - vedi GOKU E LA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA - la trasformazione digitale ci guida allo svincolo assoluto dell'uomo indispensabile per quella azienda, portando già questo ad un aumento dell'efficienza, poiché tutti sappiamo di essere buoni collaboratori se diamo il massimo, ma non siamo indispensabili per l'organizzazione.


Scegli chi ti accompagna per la tua strada, non chi ti tira per la sua


Post recenti

Mostra tutti